domenica 17 dicembre 2017

APP: Shpock



"L'app-mercatino delle belle cose"

Così si presenta l'app Shpock, che utilizzo personalmente da circa un anno con grande soddisfazione.
Vendere è semplicissimo e gratuito: puoi caricare fino a 5 foto del tuo prodotto, aggiungere una descrizione e proporre il tuo prezzo.
Acquistare è altrettanto facile, con la possibilità di proporre un prezzo all'acquirente e iniziare una trattativa in privato.
Una volta preso l'accordo sul prezzo, si procede con lo scambio e si può lasciare un feedback sulla trattativa.

Cosa si vende su Shpock? Di tutto!
Da abbigliamento, accessori, mobili, macchine, nuovo/usato ma anche servizi! Quindi è particolarmente adatta se volete fare pulizia di cose che non usate più ma anche se volete far conoscere la vostra attività.

I principali vantaggi sono nella geocalizzazione, nella possibilità di vedere i feedback sulle esperienze precedenti e soprattutto incassare tutto l'importo senza commissioni.
Esiste anche la possibilità di creare degli articoli sponsorizzati, ma non si è obbligati all'acquisto.
Le mie esperienze sono state tutte positive, salvo una ragazza che mi aveva lasciato un commento strano dopo un suo acquisto non confermato: ho segnalato al team di Shpock e hanno cancellato la recensione che era chiaramente non veritiera.

Le persone sono appunto la parte più debole, ma questo non dipende dall'App.
Il consiglio per tutelarsi per gli scambi di persona è di vedersi in posti centrali e di usare paypal in caso di acquisti a distanza. Una volta preso un accordo sulla vendita, la trattativa è vincolante, ma capita spesso che gli acquirenti non si presentano agli appuntamenti, per questo prima date un'occhiata alle recensioni se non volete rischiare facili perdite di tempo!







SalvaSalva

mercoledì 13 dicembre 2017

Madrid: La Antigua






Sono tornata a Madrid dopo tantissimi anni e ho scoperto un quartiere (Malasaña) e una via (calle Corredera Baja de San Pablo) pieni di tanti posti interessanti, tra cui questo negozio che mi ha attratto  già dalla sua vetrina e conquistato con i suoi prodotti unici.SalvaSalva

La selezione di La Antigua spazia dall'abbigliamento agli accessori ma anche articoli per la casa e cartoleria, insomma.. difficile uscire a mani vuote! 
Il negozio è stato fondato da 3 designer ma offre la possibilità ad altri artisti di collaborare; di particolare interesse anche i workshop che propongono per imparare tante piccole nozioni e avvicinarci al hand made.
Speriamo che presto aprano anche loro uno shop online!



martedì 5 settembre 2017

Como: A.Gi.Emme




Il messaggio di benvenuto sul loro sito riporta la descrizione fornita da Monocle:
"A.GI.Emme is the apotheosis of the chic Italian boutique"
e devo dire che è proprio quello che ho pensato quando sono entrata nel loro negozio durante una passeggiata a Como! 
Una selezione molto curata di brand famosi ma di nicchia (Aspesi, Ami, Opening Ceremony, Acne..),   disposti in un ambiente accogliente e chic!
L'e-commerce a mio parere non rispecchia in pieno il valore della boutique, quindi segnatelo nella vostra lista dei negozi da visitare di persona a Como!
Le sedi del corner principali sono in via Vittorio Emanuele.

lunedì 2 gennaio 2017

Milano: Funky Table





Se siete alla ricerca di accessori originali per la casa e soprattutto per la vostra tavola, dovete assolutamente fare una passeggiata in una stradina di Milano, via Santa Marta 19 (distretto 5Vie, a pochi passi da Via Torino); troverete un mondo colorato, di oggetti unici, artigianali, provenienti da tutto il mondo!
Funky Table nasce dall'idea delle sorelle Mariangela e Cristina Negroni, che hanno unito la loro esperienza cosmopolita e passione per il design, in uno spazio tutto da scoprire.
Tra gli oggetti che personalmente mi piacciono di più ci sono le posate personalizzate con date, cifre e messaggi, i cuscini realizzati dal CSAO (Compagnie du Senegal et de l’Afrique du Ouest), e il Kintsugi repair kit, la colla d’oro per riparare i piatti rotti (per imparare ad amare tutte le imperfezioni!)
Ogni articolo insomma sembra avere la sua storia e il suo significato, a voi resta solamente scoprirlo e portare a casa il ricordo che fa per voi!


via Santa Marta, 19 - 20123 Milano


SalvaSalva

mercoledì 28 dicembre 2016

Copenhagen: Henrik Vibskov





Giovane designer danese, bello e bravo, laureato alla Central Saint Martin di Londra, una carriera artistica piena di riconoscimenti... un pò riduttiva come descrizione per parlare di Henrik Vibskov, ma avete capito che è sicuramente interessante seguire questo artista, considerato da tutti tra i nomi più interessanti nel panorama della moda contemporanea.

Ha spolato la sua piggy scarf, fino ad arrivare all'ultima collezione presentata alla fashion week di Copenhagen, dove ha presentato la collezione "The hot spray escape".

Al momento Henrik ha aperto due store, uno a Copenhagen e l'altro a Ney York, ma potete trovare anche delle sue creazioni sul sito, dove sono presenti altri marchi come Comme des Garçon, Issey Miyake, Rick Owens, Walter Van Beirendonck... insomma, se siete alla ricerca di abiti di nicchia siete nel posto giusto!



Krystalgade 6
Copenhagen K 1172
Denmark

456 Brome Sreeet
10013 New York



lunedì 26 dicembre 2016

App: Depop







Sorrido tanto oggi sentendo su vari TG i servizi riguardati la fine che faranno i regali che abbiamo scartato ieri sotto l'albero: una grossa percentuale sarà riciclata o venduta su siti internet.
C'era una volta Ebay, il grande mercatino della compra vendita tra privati, ma l'esplosione del fenomeno app negli ultimi anni ha dato vita a tante altre forme di scambio.
Nell'ultimo mese ho aperto degli account su diverse piattaforme e oggi voglio condividere la mia esperienza su Depop, un marketplace basato sul concetto dei “garage sale” all’americana.
Il funzionamento è molto semplice: scatti fino a 4 foto dell’oggetto che vuoi vendere, scrivi una descrizione, ne fissi un prezzo, specificando il luogo di provenienza, modalità di pagamento e spese di spedizione. Per chi utilizza PayPal si può eseguire la trattativa stesso in app, e Depop trattiene un 10% sulla vendita.


Vi parlo dei miei punti di vista come:

Venditore
La premessa iniziale che mi sento di fare è che bisogna chiarire perché volete vendere: avete necessità di soldi? Dovete svuotare l'armadio? Volete liberarvi di oggetti in vista di un trasloco?
Questo traccerà infatti la linea sottile tra vendere e svendere.
La tendenza degli acquirenti è quella di fare offerte al ribasso o scambiare, sta a voi decidere se avete esagerato con il prezzo iniziale o se siete stati degli onesti valutatori del vostro oggetto.
Personalmente ho deciso di seguire la strada della completa trasparenza e di vendere degli oggetti che non mi servono più, senza svalutare il loro valore sia economico che affettivo e tendendo conto anche della percentuale che si trattiene Depop.
Ho venduto a delle persone molto precise e oneste, rifiutato tante offerte e ricevuto richieste da soli curiosi... fa tutto parte del pacchetto!
Cosa si vende? Di tutto: dal vintage, dalle creazioni fatte a mano (ottimo banco di prova per testare le proprie creazioni), da oggetti di super lusso, ai libri, mobili etc.
Quello che non piace a noi, può essere utile e gradito ad altri!
Discorso foto: come venditori dovete avere una grande pazienza, soprattutto a fare le foto; sapete che mi occupo di fotografia ma su questi siti non ho caricato foto "ad effetto", anche se contribuiscono tantissimo nella decisione finale di acquisto (quindi aaa: cercasi modella!).

Acquirente
Non ho ancora comprato nulla su Depop perchè vedo un grande limite, trattandosi di compra vendita tra privati: la mancata possibilità di fare resi.
Insomma, se una cosa non ti piace dal vivo o non ti sta bene, te la devi tenere lo stesso.
Tengo sott'occhio diversi articoli di lusso e non capisco ancora come la gente possa svendere borse di Chanel come se non ci fosse un domani, oltre ad avere il timore di comprare dei falsi.
Da qui l'importanza di lasciare sempre dei feedback e di segnalare comportamenti strani, per aumentare il livello di fiducia nella rete.


Chi di voi utilizza la app, e quali sono i vostri consigli/esperienze da condividere?





SalvaSalva

sabato 24 dicembre 2016

New York: Purl Soho





Se siete alla ricerca di un passatempo utile e rilassante, dovete provare assolutamente a sferruzzare o fare altri lavori che richiedano una creatività manuale.
Per chi è alle prime armi (come lo ero io!), dovete solo armarvi di un po' di pazienza e trovare un negozio che organizzi dei corsi, meglio ancora se vende materiale di alta qualità e varietà come Purl Soho di New York!
Per chi è già brava nell'arte del fatto a mano, vi consiglio di visitare già il loro sito web per trovare tante idee ed i relativi tutorial!
https://www.purlsoho.com


SalvaSalvaSalvaSalva

mercoledì 21 dicembre 2016

Parigi: Chantal Thomass




Da un po' di anni frequento con una certa assiduità Parigi per motivi di lavoro e il mio campo base è vicino Rue Saint Honorè, guarda caso all'altezza di Colette
Ovviamente trovo sempre il tempo per fare un po' di shopping e con mia grande gioia ho scoperto la boutique di Chantal Thomass, brand di lusso dedicato alla lingerie, aperta nel 2004.
Se odiate il rosa, vi consiglio di non entrare. Nel periodo di saldi però cercate di fare uno sforzo!
Potete farvi un'idea dei modelli sul sito web, ma vanno assolutamente provati in boutique e riscoprire quel gusto un po' retrò che non è mai passato di moda!

http://www.chantalthomass.fr/
SalvaSalva